Cosa leggono i filosofi

Cosa leggono i filosofi del nostro tempo? Aprono mai le pagine di un romanzo con la speranza di trovare una risposta ai loro dubbi?
Gli incontri di Silvia Bellia ci conducono in un luogo per lo più sconosciuto facendoci scoprire quali libri affascinano le intelligenze critiche del nostro tempo, gli intellettuali a cui compete il compito di «cattiva coscienza», come dice Nietzsche. L’approccio filosofico ci offrirà uno spazio di riflessione insolito per interrogare le pagine dei libri.

Un poeta da riscoprire: Bartolo Cattafi

caress_of_light

Vittorio Sereni, negli Atti del convegno di studi su Bartolo Cattafi, descrive «l’essenza» della poesia cattafiana, «che vede il non detto e dice il non visto, ossia apre il vuoto del nostro vedere e lo riempie di segni. Partita come poesia essenzialmente visiva, è diventata ben presto poesia visionaria, la più visionaria che io conosca, immune da interferenze mentali e calcolate».

 

Continua a leggere →

L’arte di scrivere una storia che emoziona a teatro

Lo spettacolo «Volo nove zero tre. Emil Zàtopek: il viaggio di un atleta». Foto di Andrea Butti.

Intervista a Maddalena Mazzocut-Mis, filosofa e drammaturga. È autrice dello spettacolo «Volo nove zero tre. Emil Zàtopek: il viaggio di un atleta», sulla vita di uno dei più grandi campioni della storia dello sport, sul suo volo, sulla caduta. Sulla corsa che ognuno di noi deve affrontare nell’esistenza.

Continua a leggere →