Giovanna Canzi

Fin da quando studiava all’Università – Lettere Antiche con una tesi dedicata al dio Mercurio – era indecisa se amasse di più l’editoria o il giornalismo. Da allora fa la sponda fra le due rive, cercando di capire su quale battigia approdare. Da anni collabora come editor con una società che progetta e realizza libri per ragazzi (Atlantyca Dreamfarm) e scrive per alcune testate (Tuttomilano di La Repubblica, Spazio, Vivere di Bellavite Editore, in passato per il sito web de Il Sole 24 Ore) occupandosi di arte, libri, rapporto genitori-figli. Insieme all’amica Daniela Pagani ha scritto “101 cose da fare a Milano con il tuo bambino” (a breve uscirà in versione aggiornata) e “L’arte di cucinare alla milanese” (entrambi per Newton Compton). Ha due bambini, e soffre di una rara forma di citazionismo compulsivo.

Facciamo nascere
il libro “Utopia”

Il fotografo Carlo Bevilacqua ha viaggiato per il mondo alla ricerca di chi ha avuto il coraggio di credere in un mondo migliore, chi da solo, con la famiglia o in una comunità, ha fatto diventare reale il proprio sogno, la propria Utopia. Esempi di stili di vita in cui lo spirito umano è libero è rispettato. Il progetto fotografico ha già ricevuto riconoscimenti internazionali.
Oggi, insieme a Crowdbooks, Bevilacqua ha lanciato una campagna di crowdfunding per trasformare il progetto in un libro. Basta andare sulla pagina del progetto (cwbks.co/utopia) per pre-acquistare il volume a 37 euro.

Continua a leggere →

Nelle case degli scrittori

Il 5 febbraio, ore 15, al festival Writers verrà presentato il libro “Ritratto di scrittore in un interno” (Papero Editore), nato da questa rubrica di “Ho un libro in testa”. Con l’autrice, Giovanna Canzi, e il fotografo Pierantonio Tanzola ci saranno Alberto Casiraghy, Elisabetta Bucciarelli, Tiziano Fratus, Gabriele Dadati. Conduce Alberto Saibene.
Qui Giovanna Canzi ci racconta il libro.

Continua a leggere →

Pierantonio Tanzola racconta “Visi d’arte”

Marc Quinn fotografato da Pierantonio Tanzola.

«Diventare una sorta di veggente per riuscire a rappresentare non tanto la realtà, quanto i suoi fantasmi, i barlumi e le sinapsi che vivono nel presente». Pierantonio Tanzola, le cui fotografie sono esposte fino al 6 novembre nel Salone del Palazzo della Ragione di Padova, nell’intervista di Giovanna Canzi racconta l’urgenza che da anni lo spinge a catturare con il suo obbiettivo il volto di scrittori e artisti.

Continua a leggere →

A casa di Alberto Casiraghy

Alberto Casiraghy. Tutte le foto sono di Pierantonio Tanzola.

Dall’8 settembre lo potremo vedere nelle sale cinematografiche nel documentario “Il fiume ha sempre ragione” di Silvio Soldini. Giovanna Canzi e il fotografo Pierantonio Tanzola ci portano con sé dentro la casa dell’inventore del Pulcinoelefante, l’editore, scrittore, artista, artigiano che andando controcorrente ci fa scoprire la poesia dei libri e dell’esistenza.

 

Continua a leggere →

Venite alla scuola
Penny Wirton

La scuola Penny Wirton di Milano fotografata da Pio Tarantini.

Venerdì 27 maggio a Milano c’è l’ultimo incontro della scuola gratuita per stranieri Penny Wirton, aperta da Laura Bosio, che qui su “Ho un libro in testa” seguiamo dall’inizio. La scuola riprenderà a fine settembre. Nel frattempo, pensateci, tenetevi pronti, passate parola: gli insegnanti volontari e gli stranieri che hanno bisogno di imparare l’italiano saranno i benvenuti. Tenete un posto per la scuola Penny Wirton nei vostri progetti del prossimo autunno.

Continua a leggere →

Eraldo Affinati ci racconta
la scuola Penny Wirton

Lo scrittore Eraldo Affinati.

Apre anche a Milano, il 4 dicembre, la scuola gratuita per stranieri fondata da Eraldo Affinati e Anna Luce Lenzi. La dirigerà Laura Bosio (chi fosse interessato a partecipare, anche come insegnante volontario, trova qui le informazioni).
Affinati ci racconta com’è nata e qual è la filosofia di questa scuola speciale che dimostra l’esistenza di «un’Italia che sa donare in modo incondizionato».

Continua a leggere →

A casa di Elisabetta Bucciarelli

In perenne mutamento, su più piani, colma di oggetti cari. Questa è la casa di Elisabetta Bucciarelli, autrice di numerosi gialli (da “Happy Hour”, Mursia, che inaugura la serie con l’ispettrice milanese Maria Dolores Vergani a “Ti voglio credere”, Coloradonoir/Kowalski, Premio Scerbanenco 2010 per il miglior romanzo noir italiano) e romanzi, fra cui l’ultimo e intenso “La resistenza del maschio”, uscito per NNEditore.

Continua a leggere →