A cosa serve una biblioteca

Non a quello che pensate.

libraryFoto di Loughborough University Library.

Orario dei treni? Andiamo in biblioteca.

Dalla mia postazione nella Torre di avvistamento del bello mi sento rivolgere ogni tipo di domanda, non necessariamente  legata a libri: dagli orari dei treni a quello del pediatra di base.
Direte: beh, dì che si rivolgano altrove. Altrove dove? Molte  volte, soprattutto nei piccoli centri, non c’è un altro punto di informazioni più adeguato della biblioteca di pubblica lettura.
Ecco allora persone con le domande più bizzarre avvicinarsi al bancone e porre il loro quesito. E aspettare  risposta.

Ovviamente non a tutto sappiamo rispondere, però, e qui sta la genialità dei nostri esperti,  possiamo indicare l’ufficio giusto, la ricerca in  internet puntuale  o  l’indirizzo esatto  di chi darà loro la risposta. In pratica, non siamo l’ ufficio di informazioni canonico  ma possiamo essere il  luogo dove reindirizzare chi molto fiduciosamente si è  rivolto a noi.

Le informazioni di comunità (reference) sono il nostro pane quotidiano: accogliendo, chiaccherando, perché vi assicuro che in biblioteca si parla tanto checché nell’immaginario  si veda la biblioteca come un luogo silenzioso, soffermandosi ad ascoltare i nostri lettori, che molte volete lettori non lo sono, nascono conversazioni che richiamano e suscitano poi domande  le più varie.

Mi viene in mente quella signora che veramente aveva bisogno dell’orario dei treni e insieme abbiamo  cercato le tabelle orario della piccola tratta  ferroviaria che le serviva. E anche in questi casi ti senti rivolgere la fatidica frase  “quanto ti devo?” Allora,  allarghi il tuo sorriso migliore e rispondi: Niente, è stato un piacere!

Un riferimento di base per noi è
Stefano Parise, Dieci buoni motivi per andare in biblioteca, Milano, Editrice Bibliografica, 2011.

In questo piccolo e agile volumetto, Stefano  Parise narra  la biblioteca con dialoghi ed esempi  e a pag. 99  tratta proprio di questo argomento nel capitolo intitolato “La biblioteca risponde”. Cito dal testo: “La biblioteca pubblica svolge una complessa funzione di mediazione informativa, finalizzata a guidare gli utenti verso le fonti che meglio rispondono alle loro esigenze e fornirle nei formati più adatti, attraverso un’attività di assistenza diretta e personalizzata che va sotto il nome di servizio di reference”.

Parole chiave:

-biblioteca pubblica

-mediazione informativa

-guidare gli utenti verso le fonti che meglio rispondono alle loro esigenze

-assistenza diretta e personalizzata.

Et voilà! Quello che abbiamo scritto poco sopra.
Per approfondire,  Elena Boretti, I servizi di informazione nella biblioteca pubblica, Milano, Editrice Bibliografica,  2009

Ora vi aspettiamo in biblioteca per cercare la risposta al gustoso quesito: dove si beve il migliore caffè (un buon nero) a Trieste? Qui e qui.

Suggerimento di lettura: Fernando Pessoa, Il marinaio, Torino, Einaudi, 2005
L’unico testo teatrale (per ora) di Fernando Pessoa. Una scrittura forte ed evocativa,  la traduzione è di Antonio Tabucchi, da leggere e da regalare, da rileggere e regalare, abbandonandosi  al sogno. Forse. Aspettando l’alba…

Vuoi commentare? Scrivici.