Davide Sapienza: in partenza per Finis Terrae

Davide, diretto verso Il Confine della Terra, ci lascia un messaggio da leggere e da ascoltare. Scrive: «Volevo assolutamente lasciare una traccia su Ho un libro in testa prima di partire». Grazie Davide

Foto di Davide Sapienza

ULTRATEMPO A FINIS TERRAE

La musica è Light di Hans Zimmer (qui)

 

È importante avere un segreto, una premonizione di cose sconosciute. L’uomo deve sentire che vive in un mondo per certi aspetti misterioso, che in esso avvengono e si sperimentano cose che restano inesplicabili.

C.G. Jung

Quando sono andato per la prima volta in quel luogo, non avevo la minima idea che sarebbe diventato un simbolo per la mia vita di scrittore. Non avevo neanche idea che ci sarei andato, per essere precisi. Camminando, mi ritrovai a vederne il nome su una mappa e lasciarmi irresistibilmente attrarre, dicendo semplicemente, in un soffio, “io in un luogo con questo nome ci devo andare”.
Era la fine di una ricerca, un segreto inconosciuto. Ma non lo sapevo. Adesso quel luogo è la fine di un viaggio, un debito da saldare, un credito da riscuotere: una visione necessaria per sfuggire al mio tempo e camminare nelle mie pagine prossime venture: una premonizione di cose sconosciute. Non l’avrei detto allora e non posso ancora dirlo oggi. Eppure questo viaggio si spiega nel suo divenire silenzioso. Nel suo Ognidove. Ho Un Viaggio In Testa adesso. Proprio questo. Proprio adesso. Camminando piano, camminando oltre.

02. Alino 03. ValGabbia_163

Vuoi commentare? Scrivici.